Obietta Diserta Disobbedisci. NO GUERRA !!!

UCRAINA/RUSSIA Kiev <<invita>> alla pace e bombarda il Donbass

19.11.2014 10:44

Blocco economico totale del Donbass e guerra taotale. Questa volta alle parole del Presidente ucraino Petr Poroshenko sono seguiti i fatti; segno di un mutamento nei rapporti di forza a Kiev, che non fa certo sperare il meglio. Un civile morto nella città di Enakievo in seguito ai bombardamenti; decine di feriti a Donetsk. Secondo RIA Novosti, la parte governativa ha violato il cessate il fuoco 10 volte nelle ultime 24 ore; 13mila tra case, scuole e ospedali senza gas, luce e acqua. Interrotti trasporti pubblici e collegamenti ferroviari; uffici pubblici evaquati. A Debaltsevo riserve di carbone per un paio di giorni. Si torna a parlare di bombe a grappolo e al fosforo su centri popolati del Donbass da parte di Kiev, come già denunciato da Human Rights Watch. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, incontratosi con Presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko, ha detto che è necessario riattivare il processo di pace secondo il formato degli accordi di Minsk, che <<sono l'unica forma appoggiata da tutti: le due parti ucraine, Russia, Bielorussia, Ue e USA>>; concetto ribadito anche nel corso dei colloqui con l'omologo tedesco Steinmeier. Il capo della diplomazia russa ritiene che però kiev abbia intrapreso la strada del soffocamento sociale e d economico del sud-est del paese; Mosca teme una recrudescenza degli attacchi governativi nel Donbass, ma conta sul fatto che l'Occidente non consenta tale scenario.Sempre ieri il replicante premier ucraino Arsenij Jatsenjuk, accusando la Russia della non osservanza degli accordi di Minsk, ha invitato Mosca a partecipare a colloqui su formato ginevrino con Ucraina, Usa e Ue. L'invito sottende l'accusa a Mosca di essere alla base di quella che Jatsenjuk defini sce una <<guerra contro l'Ucraina>> e non un conflitto scatenato da un potere centrale contro una parte della propria popolazione. La risposta di Mosca è giunta dal vice Ministro degli Estri Grigorij Karasin: Kiev deve avviare il dialogo con il sud-est del paese e non inventare formati diversi per le trattative; <<la Russia è pronta a tutti i colloqui, ma con la partecipazione dei rappresentantidel sud-est dell'Ucraina.

Rivolto all'europa, Lavrov ha detto che la Russia non cerca il conflitto con l'Ue e spera che nei rapporti reciproci non si sia raggiunto il <<punto di non ritorno>>. Nei confronti degli Stati Uniti, Vladimir Putin ha detto che vogliono sottomettere la Russia, ma nessuno ci riuscirà mai. Il discorso di Putin era rivolto anche alle manovre Nato <<Trident Juncture>> condotte nel Baltico dal 9 al 17 novembre e conclusesi ieri con una sfilata di truppe corazzate americane a Riga. Nell'intervista concessa nei giorni scorsi alla tedeca ARD, Putin aveva detto che <<a differenza di Stati Uniti e Nato, la Russia non ha dislocato basi militari in tutto il mondo. Dal 2001, la Nato si è allargata due volte, si è avvicinata sempre di più ai confini russi, con grave preoccupazione di Mosca>>.

Contatti

Casa per il Disarmo

locvr@pec.it

Via G. Murari Brà, 37 scala E int. 18 - 37136 Verona

Abitazione: +39.045.511.8.254

Cerca nel sito

Obietta, Diserta, Disobbedisci. NO ALLA GUERRA!!!

Crea un sito gratisWebnode